guida all'acquisto
     CENE E FESTE PRIVATE
     Visita la CONFRATERNITA del CANDIA
     VISITA IL NOSTRO WINBAR SU FACEBOOK
     leggi le info dal sito
     Visita SPINO FIORITO
     leggi ULTIMI ARRIVI
     Visitaci su google map
     Visitaci su panoramio




. .



A Massa, oltre al caratteristico centro storico, possiamo ammirare numerosi palazzi storici , moltissime le chiese antiche. Palazzo Ducale (XVI sec.) Iniziato nel 1557 , da Alberico Cybo-Malaspina nasce dalla trasformazione/ampliamento di un preesistente edificio dei Malaspina. La complessa vicenda architettonica giunse a compimento nel secolo successivo, con l'incarico ad Alessandro Bergamini per la decorazione della facciata. Sempre di un Bergamini Francesco, e' il progetto della cappella, riccamente decorata con opere di artisti carraresi tra i quali Ferdinando Tacca, e ancora sotto la direzione di Francesco Bergamini viene costruito il loggiato interno, le scale monumentali e la loggia superiore. Particolare e' il Grottesco posto al piano terra realizzato nel 1701.Attualmente ospita gli uffici della Prefettura e dell 'Amministrazione Provinciale. Chiesa Cattedrale SS. Pietro e Francesco (XIV sec.) Secondo cronisti dell 'epoca , alla fine del Quattrocento si da' inizio alla costruzione del Convento di S. Francesco di Massa. Non e' del tutto chiaro se , insieme al convento , venga costruita anche la chiesa o se il primo si unisca ad un edificio gia' esistente. La seconda ipotesi sembra la piu' accreditata dagli studiosi , che ne fanno risalire l 'anno di consacrazione al 1389. Si tratta quindi della chiesa piu' antica di Massa , dopo la pieve di S. Pietro (oggi scomparsa).La facciata odierna risale al 1936. L 'interno e' costituito da un 'unica ampia navata interrotta da una crociera , con otto altari oltre quello maggiore dell 'abside, tutti ricchi di marmi policromi. A questi si aggiunge una fonte battesimale del Riccomanni , e molte altre opere di pittura e scultura.Nei sotterranei troviamo i sepolcreti e la cappella della famiglia Cybo-Malaspina. Chiesa della Madonna del Carmine (XVI sec.) Costruita nella seconda meta' del Cinquecento insieme al complesso monastico di Santa Chiara fortemente voluto dalla marchesa Taddea Malaspina. L 'edificio e' preceduto da un agile portico con colonne in marmo, dove e' collocata una Maesta'. All 'interno troviamo una tavola quattrocentesca di scuola lombarda, dedicata alla Madonna del Carmine e, a fianco dell'altare maggiore, due dipinti attribuiti a Domenico Fiasella. Museo Diocesano di Arte Sacra Ospitato presso il " Palazzino dei cadetti " costruito alla fine del Cinquecento da Alberico I Cybo-Malaspina e recentemente ristrutturato, raccoglie materiali significativi relativi alla liturgia ed alla professione della fede cattolica nella provincia di Massa-Carrara, provenienti da tutte le chiese della diocesi. Si tratta di oggetti ed opere, che vengono raccontati non solo attraverso il loro valore artistico, ma anche e soprattutto attraverso il loro uso liturgico. Castello Malaspina In buono stato di conservazione , nel monumento e' ben visibile l 'evoluzione dell'architettura militare. Roccaforte primitiva del sec. X-XI, ampliata nel sec. XV con edificio rinascimentale con decorazione in marmo alle finestre e disegni policromi alle pareti. Nel sec. XVI e XVII fu recintato con una bastionatura per la difesa delle armi da fuoco. Dai camminamenti si gode un bel panorama sulla citta', sulle Apuane e sulla riviera apuana. Museo Etnologico delle Apuane Situato nel Santuario degli Oliveti, si e' originariamente costituito da una collezione di materiali sulla civilta' agricola-pastorale lunigianese. Il museo, gradualmente ingranditosi nel corso degli anni, oggi raccoglie piu' di diecimila pezzi sulla vita e le tradizioni popolari della Lunigiana, della Garfagnana e della Versilia. La sua posizione nel cuore della Zona Industriale Apuana lo hanno altresi' orientato verso la raccolta di pezzi relativi all 'archeologia industriale Chiesa di S. Leonardo al Frigido La Chiesa di S. Leonardo e' quanto resta di un antico insediamento sorto probabilmente su una Mansio romana al servizio di quanti transitavano lungo la via Aemilia Scauri che, oltrepassato il fiume Frigido, si dirigeva a Luni. L 'edificio sacro, in stile romanico, ebbe annesso in epoca medievale anche uno spedale, cioe' un ospizio per viandanti. Completamente ristrutturato negli anni Cinquanta del secolo scorso, si presenta formato da un unico ambiente , con il coro poggiato , nel sottosuolo, su una struttura semicircolare, forse il basamento dell'antica abside. Il portale originario, opera del Biduino, č stato asportato probabilmente nel dopoguerra ed č oggi ospitato al Metropolitan Museum di New York. Massa e' un comune di circa 66.000 abitanti che si trova in Toscana e con la vicina Carrara forma la provincia di Massa Carrara. Posta in una verde conca, e' circondata dalle Alpi Apuane e si estende in un 'area di oltre 90 kmq. L'economia della cittadina si basa principalmente sulle attivita' legate all 'estrazione del marmo dalle cave delle Alpi Apuane. Le origini di Massa sono antichissime, anche se l 'odierno centro abitato Fu costruito durante il Medioevo. Possedimento dei Vescovi di Luni, Massa fu al lungo contesa da numerose famiglie nobili per la sua posizione geografica fortemente strategica, in quanto posta vicino ai porti del Tirreno (Genova, Livorno e Pisa)ed alle cittą di Firenze e Bologna. A lungo governata dalla famiglia Malaspina prima e Malaspina Cybo dopo, nel XVIII secolo passo' sotto il dominio del Ducato di Modena, sotto cui resto' (tranne per alcuni anni in cui fu proprietą dei reali d'Austria e della famiglia Bonaparte ) fino all'Unitą d'Italia. Il 4 ottobre si festeggia san Francesco d'Assisi, patrono di Massa. Piatto tipico della cucina massese sono i taglierini nei fagioli, i tordelli di carne al ragł e le lasagne intordellate. Famosa anche la torta di riso, dolce prelibato che vede variazioni di impasto e di modalitą di cottura a seconda che ci si trovi a Massa o a Carrara. Fra i prodotti tradizionali apprezzati a livello internazionale, si ricorda il lardo di Colonnata. Storia e Turismo Massa Carrara Massa: Ab 68000;h 65 m.Sede vescovile e capoluogo dell 'omonima provincia nella regione Toscana.A ridosso del colle,sul quale si erge la rocca malaspiniana, si stringe un piccolo nucleo medievale;accanto,intorno a piazza degli Aranci,si trova la citta' cinquecentesca.La recente espansione tende a saldare la citta' alla Marina, sul Tirreno.Massa fu capitale dello stato dei Malaspina,poi dei Cybo Malaspina,dal 1442 al 1741;col matrimonio di Maria Teresa Cybo con Ercole d 'Asti il territorio passo' al ducato di Modena. Carrara: Ab 66000;h 100 m.Nella provincia di Massa-Carrara in Toscana.E' circondata da colline di ulivi e sullo sfondo vi sono le " Panie ",come vengono chiamate le Apuane,le montagne famose per l 'estrazione del marmo pregiato che se ne ricava.Il 70% viene ricavato nella valle del Carrione,il fiume che scende a Carrara. La citta' č quindi la cittą del marmo,di tante e pregevoli qualita':statuario,bardiglio,paonazzo,fior di pesco,cipollino,aprano,breccia violetta e mediceo; che veniva fatto scendere a Marina di Massa,su legni insaponati prima,sulla ferrovia poi ed oggi con gli autocarri.I marmi vengono portati agli "studi ",dove macchine tecnici specializzati lo lavorano.L 'industria del marmo a Carrara ha origine millenaria:la citta' e' infatti menzionata a proposito oltre mille anni fa(963).La citta' ha fatto parte per tre secoli(1441-1741)dello stato dei Malaspina(poi Cybo Malaspina).
PROVINCIA MASSA-CARRARA
>> piazza Aranci e Palazzo Ducale
^ Torna inizio pagina